Chissà se Profumo finirà nel mirino degli «inkiestisti»?

L’intento del sito www.linkiesta.it, è lodevole: professionisti e manager di grido hanno deciso di finanziarie alcuni bravi giornalisti, guidati dal giovane direttore Jacopo Tondelli, per fare approfondimenti senza preconcetti e ideologie. Il tutto attraverso un nuovo modello di business, solo su Internet. Ambizioso. E difficile. Perché ci chiediamo come faranno i nostri inkiestisti a cavarsela quando il gioco si farà duro. Ieri le vicende fiscali di Dolce&Gabbana e la sfilata dei due stilisti in procura a Milano è stata data con risalto. Ma nella procura milanese l’inchiesta che fa discutere l’intera comunità finanziaria è un’altra: è detta Brontos, parla di evasione fiscale e riguarda anche 17 manager di Unicredit. Tra i quali Alessandro Profumo. Uno dei settanta azionisti liberal che hanno investito nell’inkiesta. Cose succederà quando dovrà sfilare anche lui in procura?