Le chitarre si mostrano all’Alcatraz

Commercianti e appassionati scambiano i loro strumenti

Valentina Fontana

Voleva essere una mostra-scambio di strumenti musicali per pochi, un evento che riuniva esclusivamente gli amanti della chitarra. Ma dopo pochi anni è diventato il più importante appuntamento europeo del settore, registrando oltre 5.000 persone a giornata. Così la ventottesima edizione del Second Hand Guitars sbarca domenica all'Alcatraz (via Valtellina, 26) per la sua tradizionale esposizione e vendita estiva.
«Quest'anno saremo eccezionalmente a Milano - precisa il suo fondatore Alberto Biraghi - a causa dei lavori di ristrutturazione in corso nella Mole di Ancona, dove di solito si tiene l'edizione estiva. Abbiamo voluto dedicare la mostra al grande Roberto Pistolesi, il celebre maestro liutaio scomparso qualche settimana fa, cercando di ricordarlo con allegria. Per questo il tema sarà “chitarra e bicicletta”, proprio per omaggiare le sue due passioni più grandi».
Così il palco della manifestazione sarà arredato da un percorso storico in cui le biciclette di un passato glorioso, come le Bianchi, le Masi, le Umberto Dei, faranno da sfondo a preziose chitarre della stessa epoca, come le rare Gretsch Country Gentleman degli anni Sessanta, mai esposte prima.
Non solo: al centro della sala sarà allestita un'area dedicata agli strumenti costruiti da Roberto Pistolesi, che dopo la sua scomparsa hanno già visto salire le quotazioni. Si parla infatti di offerte da oltre 30mila euro per le sue chitarre e 15mila euro per uno dei 25 The Mojo Amp costruiti.
«Gli appassionati - continua Biraghi - potranno vedere una selezione mai esposta prima di Spacecaster e Skycaster, l'unico basso costruito dal liutaio scomparso, effetti, amplificatori e memorabilia. E saranno anche messe in vendita magliette e gadget e il ricavato sarà devoluto alla ricerca sulla leucemia».
Ma al Second Hand Guitars 28 non ci sarà solo spazio alla vendita, o meglio allo scambio fra i negozianti espositori e privati, che possono portare i loro pezzi da cambiare. «Sarà dato spazio anche alle demo dal vivo - chiosa Biraghi - e ai workshop che si svolgeranno per tutta la giornata. I visitatori potranno affinare la loro tecnica con Michele Quaini, insegnante del Cpm di Franco Mussida, e imparare a configurare il proprio setup con Guido Michetti, fondatore e progettista di Vintech. Un evento per tutti gli appassionati della musica e della chitarra».