Chiude in attivo «Batti e ribatti»

Con 6.625.000 spettatori, una media del 25.35 per cento di share, e la convinzione di essere «riuscito a restare equidistante tra i due Poli», Riccardo Berti ha chiuso ieri il suo secondo ciclo su Raiuno alla guida di Batti e ribatti, che dal 9 gennaio lascerà il posto a Dopo tg, spazio informativo guidato dal direttore di testata Clemente Mimun. «Non è facile gestire un programma di cinque minuti mantenendo il necessario equilibrio - ha sottolineato Berti - ma credo di esserci riuscito facendo perno sulla mia professionalità». Il politico più seguito a Batti e ribatti è stato Berlusconi, ospite il 13 dicembre, con una media del 26.50 di share, seguito da Fassino (25.92), anche se la puntata più seguita in assoluto è stata quella del 30 novembre dedicata al razzismo nel calcio, che ha avuto il 26.55. «Avevo detto che i miei giudici sarebbero stati i telespettatori. E loro mi hanno premiato».