Chiudere i centri amici dei violenti

di Davide Boni*
Via Padova chiama Milano. E Milano come risponde? Come reagisce la capitale morale ed economica di questo Paese dinanzi alla violenza inaudita di gruppi di extracomunitari che vengono qui, sul nostro suolo, a regolare i propri conti? Guerra tra sudamericani ed islamici che hanno visto in via Padova il territorio dove mettere le proprie radici sradicando, in maniera neppure tanto velata, le nostre. Alla conquista di quella parte di Milano che in molti avevano indicato come un mix di etnicità molto positivo. Impossibile sostenere, ancora, quanto sia bella una società totalmente multietnica e di quanto faccia bene il multiculturalismo per il futuro della nostra Milano. Se quello che abbiamo visto in via Padova sono le conseguenze di questo cambiamento allora fermiamo pure il tempo perché, fino a qualche anno fa, episodi di questa tipologia non sarebbero mai accaduti. Un permissivismo che ha consentito a qualcuno di rivendicare ciò di cui non ha diritto (...)