Chiudere i centri sociali che non isolano i violenti

(...) ci siano i centri sociali e che proprio i centri sociali, certi centri sociali, costituiscano il loro brodo di coltura. Tutti i centri sociali, dunque, sono covi di black bloc e di anarco-insurrezionalisti? Certamente no. Questi delinquenti frequentano regolarmente e tranquillamente i centri sociali, si incontrano e si riuniscono lì, sanno di poter contare sulla silenziosa acquiescenza degli altri frequentatori? Certamente sì. Quindi è lì che bisogna andare a cercare i violenti di professione. Ai quali il giustificazionismo e il buonismo forniscono solo ottimi alibi per delinquere. Proprio oggi il Comune dovrebbe avviare a soluzione l'annosa vicenda della sede del Leoncavallo. Forse non è il momento più opportuno, a meno che quel centro sociale non si decida a sottoscrivere un netto rifiuto della violenza. Lo chiedeva già il sindaco Gabriele Albertini per avviare fin da allora un percorso di normalizzazione. Non lo ottenne. E ora? Sono disposti quelli del Leonka a condannare chiaramente i fatti di Roma e a ripudiare una volta per tutte qualsiasi forma di violenza? Se la risposta e no il Comune deve troncare la trattativa. Troppi segnali di tolleranza dell'illegalità sono già venuti da questa giunta. Se si evita di sgomberare le case occupate abusivamente con la scusa, pelosissima, dello «stato di necessità». Se si arriva a spiegare la devastazione di una città con la «comprensibile rabbia», provocata, naturalmente, dal governo Berlusconi - come molti hanno fatto in queste ore, sui giornali e in televisione: ad esempio Lucia Annunziata domenica scorsa a «In mezz’ora» su Rai 3. Se si considera irrilevante che, come avviene spesso a Milano, un corteo di poche centinaia di persone, quasi tutte dei centri sociali, imbratti i muri della città, sfondi vetrine, lanci barattoli di vernice e sacchi di spazzatura e anche qualche molotov contro banche o negozi, se si tollera tutto questo considerandolo quasi una prassi tacitamente accettata e comunque un male minore, allora non possiamo meravigliarci di quello che è successo a Roma. Lo abbiamo scritto proprio il giorno prima: con la violenza si sa come si comincia e, purtroppo, si sa anche come si finisce. E dunque, chiudere i centri sociali? Mettiamola così: chiudere quelli che non esprimono un netto, chiaro e inequivocabile rifiuto della violenza. Potrebbe bastare.