Choc in Israele, fermati due kamikaze ebrei

Cresce dal 27 al 38% la percentuale dei contrari ad abbandonare gli insediamenti di Gaza

Mariuccia Chiantaretto

da Washington

Un compagno di scuola del presidente George Bush, che ha vissuto a Milano e a Firenze, è il nuovo ambasciatore americano in Italia. Ronald P. Spogli è uno degli uomini più ricchi della California, ma ha accettato di lasciare a un socio la gestione del suo impero finanziario per rappresentare gli Stati Uniti in un Paese che conosce bene e che ama. Prima di diventare un abile e fortunato uomo d’affari in America, è stato assistente universitario in Italia, ha imparato la lingua alla perfezione e si è specializzato nello studio dei problemi dell’immigrazione nelle regioni del Nord.
La nomina è stata annunciata giovedì sera dalla Casa Bianca ma era stata comunicata ufficiosamente alle autorità italiane due mesi fa. Il presidente George Bush ne ha discusso personalmente con il primo ministro Silvio Berlusconi quando in aprile è stato a Roma ai funerali del Papa. Ronald Spogli è da molti anni ai primi posti dei “pionieri”, cioè dei finanziatori più generosi delle campagne elettorali di Bush. Ha versato personalmente oltre 200mila dollari negli ultimi cinque anni. Con il suo socio in affari, Brad Freeman, ha procurato milioni di dollari per i grandiosi festeggiamenti con cui il presidente si è insediato per la seconda volta alla Casa Bianca in gennaio. Secondo Public Citizen, l’associazione dei consumatori americana, uno su cinque dei maggiori finanziatori di Bush nelle elezioni del 2000 e del 2004 è stato ricompensato con prestigiosi incarichi nel governo: fra loro cinque ministri e trenta ambasciatori.
Ronald Spogli appartiene certamente a questa categoria ma anche gli avversari riconoscono che è eccezionalmente qualificato. Laureato nel 1968 nel campus di Firenze dell’Università di Stanford, ha insegnato come assistente fino al 1972, quando si è trasferito a Milano. Nel 1975 ha ottenuto il titolo di “master of business admnistration” all’università di Harvard, dove era nella stessa classe di George Bush. L’amicizia tra i due risale a quegli anni e non si è mai interrotta. Nel 1983 Spogli ha fondato con Brad Freeman in California la società finanziaria che porta i loro nomi e si è specializzata nell’acquisizione di aziende in difficoltà, per venderle con profitto dopo averle risanate. Quando Bush è stato eletto per la prima volta presidente, ha dato un immediato segno di stima al vecchio amico. Lo ha nominato nel direttivo del premio Fulbright, che assegna borse di studio negli Stati Uniti ai migliori studenti stranieri.
Il nuovo ambasciatore abita in una lussuosa villa a Los Angeles, la città dove è nato. Appena la nomina sarà ratificata dal Senato si trasferirà a Villa Taverna con la moglie.