Chris Martin: «I Coldplay potrebbero sciogliersi»

«Mi sono sempre sentito soddisfatto dopo la produzione di un album, ma credo che in questo abbiamo messo tutto quello che potevamo mettere. Dico sul serio, non riesco proprio ad immaginare come potremmo farne un altro. Questo potrebbe essere l’ultimo». Chris Martin, leader dei Coldplay, è talmente felice della riuscita del quinto disco in studio Mylo Xyloto, da non credere che si possa migliorare un lavoro del genere. «Quando abbiamo finito l’ultimo album Viva La Vida - prosegue la pop star - eravamo tutti abbastanza soddisfatti. Ma questa volta abbiamo superato noi stessi. Se ci accorgessimo di non poter migliorare, potrebbe finire qui la nostra produzione di dischi». Il leader dei Coldplay continua dicendo che potrebbero continuare a produrre cd per tante ragioni, quali il denaro o i fan, ma questo andrebbe a discapito della verità e della qualità del lavoro.
Trovata pubblicitaria o fondo di verità? Toccherà ai fan giudicare. Da tempo la stampa inglese rilancia ciclicamente il desiderio (reale o presunto) di Chris Martin di andare per la sua strada; pare tuttavia difficile che l’industria si lasci sfuggire una delle band che ancora fa il fatturato: Viva la Vida ha vednuto 2,8 milioni di copie solo negli Stati Uniti, e, secondo i dati di Nielsen SoundScan, il tour in supporto dell’album ha fruttato oltre 126 milioni di dollari.
La band comunque pubblicherà il nuovo cd il 24 ottobre. Sarà preceduto dall’uscita del nuovo singolo, intitolato Paradise, che verrà presentato in anteprima mondiale il 12 settembre. Come era successo con Viva la Vida, anche quest’ultimo album è arricchito dalla collaborazione del mitico produttore Brian Eno. Nel frattempo il primo singolo Every teardrop is a waterfall rimane in vetta alla classifica dei brani più trasmessi dalle radio italiane e in cima ai download di iTunes (come del resto l’intero vecchio album Viva la vida).