Christian De Sica con «Parlami di te»

Il 26, al Teatro Della 14a, debutta La leggenda di Robin Hood, spettacolo di marionette diretto da Cosetta Colla. Sei aspiranti attori devono mettere in scena le gesta del mitico arciere di Sherwood. Si ritrovano in una foresta miracolosa dove alberi millenari raccontano favole agli uomini. È qui che i sei conosceranno la vera leggenda di Robin Hood.
Sempre mercoledì, allo Strehler, prima di Mummenschanz 3x11. Il titolo deriva dalla fusione di due parole «mummen», la maschera indossata nel Medioevo da chi giocava a carte per soldi e «schanz» che significa sorte e fortuna. I Mummenschanz, dal '72, trasformano il palcoscenico con carta e gommapiuma; il tutto per raccontare storie quotidiane. Le maschere sono realizzate utilizzando materiali di uso giornaliero che assumono forme particolari. Uno spettacolo adatto a tutte le età. Venerdì, allo Studio, ancora i bambini protagonisti con Gelatinosa principessa, figlia del Rajà di Barbaspessa. È uno spettacolo per marionette entrato a far parte del repertorio della Carlo Colla e Figli. L'operina, in lingua milanese, usa citazione popolaresche ma è capace di catturare l'attenzione di ogni ceto sociale. Sabato, allo Smeraldo, tornano i Legnanesi e la famiglia Colombo con Regna la rogna. Ritroviamo la Mabilia che vuole diventare come la Wanda Osiris, il Giovanni che ama sempre bere il suo vino e, ovviamente, la Teresa, sembra in lotta con la precarietà della sua realtà quotidiana. Il 29, al Nuovo, torna sulle scene teatrali, dopo ben 7 anni di assenza, Christian De Sica, il mattatore del Natale 2007 su grande schermo; lo fa con Parlami di me, un musical scritto da Costanzo e Vaime, nel quale sarà impegnato anche un balletto di otto ragazze, quattro fra attori e attrici e da un'orchestra di 20 elementi. È uno show che si traduce in un particolare omaggio al varietà, nel quale il mattatore De Sica darà voce ai propri ricordi. Da sabato, al Teatro della Memoria, protagonista è l'operetta con il Gran galà dell'operetta che offrirà brani scelti da «Il Paese dei Campanelli», «Al Cavallino Bianco», «La Principessa della Czarda», «Cin-ci-là», «La danza delle libellule», «Madame di Tebe», «La Duchessa del Bal tabarin», «Orfeo all’Inferno», «Sogno di un valzer» e «La vedova allegra».