«Ci assomiglia Conquisterà altri record»

Deborah Compagnoni ieri si è persa la prima manche del gigante femminile perché stava sciando, nella sua Santa Caterina Valfurva, ma non la seconda che ha regalato alla Karbon la quarta vittoria consecutiva. «Mi rivedo in Denise, per tante cose, a cominciare dal tipo di sciata, fatta di sensibilità e leggerezza, una sciata che rende tutto facile e fa la differenza nelle situazioni più difficili. Mi piace anche molto come persona, la ricordo agli esordi, è sempre stata semplice, sorridente e simpatica. Tutti mi ricordano ora la mia serie di vittorie consecutive, ma onestamente io fatico a riviverla, perché era avvenuta nell'arco di due stagioni. Quando vinci, tutto diventa più facile, perché parti convinta e senza pensare troppo, sei più sciolta, sicura e lucida di mente, puoi permetterti di concentrarti solo su due-tre punti del tracciato, quelli più delicati che possono mettere in difficoltà le altre e dove invece bisogna guadagnare. Ieri Denise non ha sbagliato dove le altre lo facevano, ed è così che si vince! Ho sempre creduto in lei, anche nel momento più nero della sua carriera, ai Giochi di Torino, avevo pensato che dovesse insistere, perché quando una vince il gigante dell'Alta Badia non può che essere forte!».
Dello stesso avviso un altro grande ex: Alberto Tomba. «Bravissima Denise! - dice - Se va avanti di questo passo non solo batte il mio record di quattro vittorie di fila in gigante ma può attaccare quello di Deborah di 8. E può pensare anche alla Coppa generale, visto che sta andando sempre meglio anche in speciale».\