«Ci ha condannato una casta intoccabile»

Caro Massimiliano,
scrivo circa il tuo fondo , per la verità, sono rimasto un poco stupito del tuo latente (almeno così ho letto tra le righe) ottimismo sul futuro del Genoa circa la remota, remotissima possibilità che il processo al Grifone possa essere dichiarato nullo. D’istinto, mi vien da chiederti cosa ti ha portato la Befana lo scorso 6 gennaio, poiché la possibilità che i nostri magistrati possano ammettere di un qualsiasi preconcetto, beh, mi sembra un evento che ha del clamoroso.
Avessimo una magistratura di tipo anglosassone, quindi americana, l’annullamento del processo sarebbe un fatto certo, anzi certissimo. Non solo, ma quei magistrati (del bigliettino e dei files ante processo), ora, sarebbero a spasso. Invece, ci troviamo ad aver a che fare con un mondo togato che si crede una casta intoccabile, assisa su di una torre eburnea che, dall’alto, invia avvisi di garanzia a destra e a... destra (stavo per «e a manca») fregandosene dei diritti dell’individuo.
Per il resto (la strategia difensiva messa in atto dagli avvocati), concordo in pieno con il tuo pensiero.