Ci sarà anche il tecnico degli azzurri Lippi alla finale della Clericus Cup di sabato 23

Finale inedita per la Clericus Cup. A sfidarsi per il titolo del campionato di calcio del Vaticano, organizzato dal Centro sportivo italiano e riservato a sacerdoti e seminaristi, saranno la «Redemptoris Mater», formazione neocatecumenale che porta i colori gialloblù in finale per terza volta consecutiva, e il «North American Martyrs», il collegio nord-americano sul Gianicolo il quale è riuscito a dimostrare che gli statunitensi possono farsi valere anche nel calcio.
Per la formazione del clero targato Usa, ieri incitata all’oratorio di San Pietro da un folto gruppo di tifosi tra cui un seminarista completamente vestito da Captain America, super-eroe dei fumetti, quella del 23 maggio sarà la prima sfida per il titolo, mentre la squadra dei neocatecumenali ha vinto la prima edizione della Clericus Cup, nel 2007.
Nella prima semifinale la «Redemptoris Mater» ha battuto per 4-1 il Pontificio Collegio Urbano, team irriconoscibile rispetto alle prestazioni mostrate nelle precedenti edizioni della Clericus Cup.
Nella seconda semifinale, più infuocata non solo per ragioni climatiche, il «North American Martyrs» ha superato ai rigori i campioni in carica della «Mater Ecclesiae», la squadra dei Legionari di Cristo formata in prevalenza da sacerdoti messicani.
I 60 minuti regolamentari si sono conclusi senza reti, 0-0, poi dal dischetto i “martiri” nordamericani si sono imposti per 4-3. Grandi protagonisti di questo successo sono stati i due “stranieri” della squadra statunitense, il portiere australiano Ganno Jones, che prima ha trasformato un rigore e subito dopo ne ha parato un altro, e il bomber brasiliano Kalevski, che ha realizzato il penalty decisivo.
Alla fine c’è stato, per tutte e quattro le semifinaliste, un terzo tempo all’insegna della preghiera, con la Cupola di San Pietro sullo sfondo, e vincitori e vinti si sono uniti nell’Ave Maria. C’è stata anche la solita danza neocatecumenale, quell’Inno di Mosè che musica il secondo salmo delle lodi.
Alla finale della Clericus Cup, in programma sabato prossimo, sono stati invitati il presidente dell’Uefa Michel Platini e il commissario tecnico degli azzurri Marcello Lippi, ma sembra che solo quest’ultimo abbia accettato l’invito. Annunciata anche la presenza del cardinal Camillo Ruini, che benedirà pubblico e giocatori in campo.