Ci vogliono più «Circoli Giovanili» per dare un futuro solido a Forza Italia

Con vivo interesse e molto apprezzamento, esprimo il mio entusiasmo sull’iniziativa di fondare tanti, spero tantissimi, circoli giovanili, a supporto degli iscritti, sostenitori e simpatizzanti di Forza Italia. Mi voglio augurare un grande attivismo di base che coinvolga e produca iniziative aggreganti e «confortanti» per tutti quelli che cadono nell’isolamento e disfattismo della sinistra che mina lo spirito di appartenenza e la condivisione dei principi di libertà ispirati dalla politica di centrodestra. Sono dell’avviso che gran parte della causa della perdita nel confronto elettorale è imputabile proprio ai dubbi e alla sfiducia che la forsennata campagna di denigrazione della sinistra ha insinuato nella testa e nell’anima di moltissimi sostenitori di Forza Italia e degli altri partiti della coalizione. Mi auguro anche che questi circoli funzionino alla grande costituendo, con l’aiuto di un gruppo di «attivisti» volenterosi e disponibili, anche quelle infrastrutture indispensabili a integrare e aggregare cittadini di tutte le età intorno a uno zoccolo di fedeli sostenitori. Cineforum, biblioteche, asili, sostegni scolastici, serate musicali, concerti, club di attività sportive o amatoriali dovrebbero crescere intorno a ogni circolo. Non occorrono strutture faraoniche, anzi, l’empirismo è sinonimo di entusiasmo e voglia di fare, senza insinuare diffidenze su convenienze personali o interessi personali. Mi darò da fare per esplorare se nella mia zona, oltremodo difficile e ostica, esiste la possibilità di organizzare un circolo, darò la mia disponibilità di pensionato e cercherò di rimediare un locale, almeno per iniziare!