Ciampi-Castelli: mercoledì decide la Consulta

Milano. La Corte costituzionale si prepara a sciogliere il nodo del potere di grazia. La concessione della clemenza è di competenza esclusiva del capo dello Stato o è «duale», ed è quindi necessaria la controfirma del ministro della Giustizia al provvedimento? La pronuncia dei giudici della Consulta nel merito del conflitto tra poteri dello Stato sollevato a metà giugno dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi dovrebbe arrivare solo tra qualche mese (entro fine gennaio, al massimo, dovrebbe iniziare la discussione). Ma mercoledì prossimo, si alza il sipario: sul tavolo la questione preliminare, il primo atto, decidere l'ammissibilità del ricorso.
Un esito scontato visto che il firmatario è l'inquilino del Colle. E in quella sede la Corte sarà chiamata a stabilire anche la «controparte».