Ciampi dà l’esempio: alle urne di buon mattino

da Milano

Come tradizione, il capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi voterà con la signora Franca a Roma, nella prima mattinata di oggi, nella scuola Mazzini, quartiere Trieste. Il seggio si trova vicino all'abitazione privata del presidente, il quale ha ricordato spesso che da quando ha avuto la possibilità di esercitare il diritto di voto, dopo il ventennio fascista, non vi ha mai rinunciato, considerandolo un dovere civico.
I leader politici voteranno in diverse città. Silvio Berlusconi a Milano nella scuola di via Scrosati, quartiere Lorenteggio. Il premier resta dunque legato alla zona dove abita ancora la madre, signora Rosa, e dove ha tutt’ora la residenza. Voterà a Milano anche il leader della Lega, Umberto Bossi, mentre Gianfranco Fini e Pier Ferdinando Casini saranno a Roma (il leader di An nello stesso seggio di Fausto Bertinotti) come Alessandra Mussolini.
Voterà invece a Lucca il presidente del Senato Marcello Pera.
Romano Prodi voterà a Bologna, nel seggio allestito al liceo Galvani. Anche il segretario dei Ds, Piero Fassino, voterà nella sua città, Torino, dove trascorrerà la giornata insieme alla famiglia, per rientrare a Roma domani. Il presidente della Margherita, Francesco Rutelli, si recherà questa mattina nel seggio del suo quartiere all’Eur.
Voteranno a Roma anche Emma Bonino e Marco Pannella della Rosa nel pugno, e Oliviero Diliberto, segretario del Pdci. Enrico Boselli a Bologna, Alfonso Pecoraro Scanio a Salerno con mamma e fratello. Clemente Mastella naturalmente nella sua Ceppaloni: come per ogni elezione, si recherà al seggio oggi insieme alla moglie, Sandra Lonardo, presidente del Consiglio regionale della Campania.
Voterà invece a Bari il presidente dei Ds, Massimo D'Alema, capolista alla Camera in Puglia per la lista dell’Ulivo, mentre Gianfranco Rotondi sarà ad Avellino.