Ciampino Maxisequestro di fiale e pastiglie di anabolizzanti illegali

Potenti steroidi anabolizzanti venduti illegalmente su ordinazione tramite internet per rifornire le fiorenti richieste da parte di alcune palestre e atleti di body-building sparpagliati a Roma. Ancora una volta è il doping a finire nel mirino del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, che nello scalo di Ciampino ha sequestrato diecimila tra fiale e pastiglie di testosterone appartenenti alla categoria degli steroidi anabolizzanti androgeni, e denunciato due noti atleti laziali di Body building. La merce una volta ordinata attraverso il computer su appositi siti on-line veniva spedita all’aeroporto di Ciampino con spedizioni postali anonime provenienti dal Pakistan. I due uomini, utilizzando falsi recapiti, avevano commissionato nella repubblica islamica le due spedizioni composte da diversi prodotti anabolizzanti che, se immessi sul mercato potevano causare danni fisici. Nel giro erano implicate anche altre persone, tra cui professionisti del body building. I reati contestati alle 2 persone denunciate vanno dal commercio di farmaci ad effetto dopante, alla ricettazione, all’introduzione in Italia di medicinali esteri senza la necessaria autorizzazione del ministero della Salute. Ai militari della Fiamme Gialle di Ciampino sono occorse settimane di indagini prima di riuscire a scoprire il traffico di sostanze proibite del tipo steroidi anabolizzanti androgeni.