Cicconi (Ds): cariche della polizia inopportune Miele (Fi): la sinistra radicale alimenta l’odio

«Un evento tragico come il rogo di piazza Vittorio dovrebbe portare le forze politiche della città ad aprire una seria riflessione sul disagio, sull’emarginazione sociale e sulle condizioni di vita di migliaia di persone spesso appartenenti a comunità straniere che hanno grandi difficoltà a inserirsi nel tessuto della città e a vivere in modo dignitoso». È quanto sostiene il coordinatore di Forza Italia Giovani del Lazio Giancarlo Miele. «Riteniamo che sia profondamente irresponsabile - aggiunge - l’atteggiamento della sinistra radicale e dei movimenti che invece di avere un approccio pragmatico e realista rispetto al dramma umano che c’è dietro all’incendio infiammano gli animi della comunità bengalese colpita emotivamente dal dramma e chiamano alla mobilitazione cercando in tutti i modi di alimentare un clima di astio e intolleranza verso le istituzioni». Miele si riferisce alle cariche di alleggerimento delle forze dell’ordine sabato pomeriggio nei confronti dei manifestanti di Antirazzismo. «È assolutamente da stigmatizzare il loro operato - dicono Letizia Cicconi (Ds), presidente del consiglio del I Municipio, Pasqualino Fabi (Prc), consigliere del I Municipio, e Andrea Costa, coordinatore sinistra Ds di Roma -, Ci auguriamo che la polizia ci faccia sapere quanto prima le motivazioni che hanno spinto a disperdere i manifestanti ricorrendo, a detta di molti presenti, a un uso assolutamente sproporzionato e immotivato della forza».