CICLISMO NEL FANGO

In questo clima di mestizia e di sospetti, è il caso di scrivere con il freno a mano tirato, anche se di questo giovanotto britannico nativo dell’Isola di Man ci sarebbe solo da scrivere un gran bene. Non usiamo superlativi, ci conterremo anche negli aggettivi. Ieri la 13ª tappa con arrivo a Nimes l’ha vinta Mark Cavendish, ventitreenne del Team Columbia che si è confermato imbattibile e ha infilato uno splendido poker sulle strade del Tour. Alle sue spalle il redivivo McEwen e il francese Feillu. Deludente Francesco Chicchi che, dopo aver fatto lavorare la sua squadra, ha perso le ruote migliori ed ha chiuso solo al ventiseiesimo posto. Nessuna novità in classifica generale con l'australiano Evans sempre in maglia gialla. Oggi il Tour comincia a salire un pochino: da Nimes a Digne-les-Bains, con due colli di quarta categoria a “disturbare” l’andatura dei passisti veloci. Domani arrivo in Italia: da Embrun a Prato Nevoso, in Provincia Granda.