Ciclismo offeso dallo spagnolo: «Noi ridicoli?»

«Non possiamo cadere nel ridicolo, soprattutto se andiamo dietro a certe affermazioni. Spero solo che certe esternazioni siano dettate dall'amarezza e dallo sconforto, anche se il ciclismo, con tutti i suoi problemi, non può accettare un simile trattamento». Pat Mc Quaid, il numero uno del ciclismo mondiale, rimanda al mittente l'uscita poco felice del campione del mondo in carica, Fernando Alonso, che ieri mattina, dopo essere stato retrocesso dalla quinta alla decima posizione per aver ostacolato Massa, si era lasciato andare a dichiarazioni molto pesanti: «Al Tour de France il vincitore è stato accusato di doping e gli hanno tolto il titolo. La F1, adesso, è in uno stato peggiore del ciclismo». Dopo aver affermato che «la Formula 1 non è più uno sport», il fuoriclasse spagnolo ha rincarato la dose dicendo: «La Formula 1 sta diventando ridicola agli occhi di tutto il mondo dello sport, proprio come il ciclismo». Pat Mc Quaid si lascia andare ad un consiglio: «Schumacher è in fase di sorpasso, è meglio che Alonso si preoccupi della sua corsa verso il mondiale, piuttosto che lasciarsi andare a dichiarazioni ardite».