Ciclisti indisciplinati, c’è Merola il giustiziere

L’ultima crociata estiva del sindaco gaffeur di Bologna è quella contro i ciclisti. E si combatte via Facebook. I cittadini scrivono a Merola chiedendo più piste ciclabili, lui risponde con le sanzioni: «Capisco che ci sia necessità di nuove piste, ma confido nella buona educazione dei bolognesi per il rispetto delle regole». Sennò son multe. E non solo da parte dei vigili. Da gaffeur a «castigatore», Merola invita i suoi concittadini ad avere «coraggio e pazienza» e redarguire chi non osserva le regole allertando anche le forze dell’ordine. E su Facebook si scatena la guerra. Ciclisti contro automobilisti; pedoni contro ciclisti. Finché uno dei più solerti non si congeda con un dubbio. Sarà stato davvero il sindaco a dar fuoco alle polveri?