Cile, moglie gelosa morde i genitali del marito

Santiago del Cile - Una cilena di Osorno (Cile meridionale), che in una improvvisa vampata di gelosia ha morso i genitali del marito provocandogli una grave ferita, potrebbe pagare caro il suo gesto perché la legge contempla una possibile condanna a 3-5 anni di carcere. La donna, identificata dai media con le iniziali I.M.M., di 38 anni, è stata arrestata e poi rimessa in libertà, ma con l'obbligo di mantenersi lontana dal marito e di firmare un registro ogni due settimane in un commissariato, fino alla sentenza, prevista fra tre mesi. La vittima, V.S.U, anche lui di 38 anni, è stato ferito alla base del pene, all'altezza dei testicoli, e si è dovuto sottoporre ad un intervento chirurgico. La pm che ha istruito il caso, Maria Josè Hurtado, ha detto che l'incidente è avvenuto durante una furibonda lite fra i coniugi, complicata dal fatto che entrambi avevano bevuto una grande quantità di alcool. Hurtado ha confermato che l'articolo del codice preso in considerazione per l'audace morso prevede una pena detentiva fino ad un massimo di 5 anni, e che tutto dipenderà dal grado di recupero funzionale del sistema genitale dell'uomo.