Cile Per la star dei 33 minatori salvati è pronto un programma televisivo

Vedere la morte in faccia e, 24 ore dopo, diventare delle star tv. È quanto sta succedendo ad alcuni dei 33 uomini protagonisti dell’impeccabile operazione-salvataggio portata a termine dai tecnici cileni a San Josè. Mentre la fama dei «mineros» continua a crescere, i loro primi racconti confermano che durante quei 70 giorni sono stati tra la vita e la morte. I 33 sono comunque in queste ore lontani dalla miniere, e affrontano una nuova vita. Al centro dei commenti c’è il mediatico Mario Sepulveda, ormai conosciuto come «Super-Mario». Sepulveda, 39 anni, è stato il secondo dei 33 a emergere sulla superficie. L’esibizione che ha improvvisato appena toccato terra ha lasciato di stucco tutti. Che «Super-Mario» fosse un estroverso era già chiaro da settimane, grazie ai video da lui girati che giungevano dal giacimento. Appena uscito, Sepulveda ha escluso di voler montarsi la testa e ha detto di rimanere «un minero». Forse ci sta ripensando. Prima di diventare super, Sepulveda era un perfetto sconosciuto: ora spopola su Facebook e ha ricevuto diverse offerte di lavoro, tra l’altro da parte di Don Francisco, il più famoso presentatore tv del Cile.