La Cina censura il film vincitore di Venezia

Lust, Caution, lo spy-thriller del regista di Taiwan Ang Lee premiato con il Leone d’oro all’ultima Mostra di Venezia, verrà distribuito in Cina in una versione più «soft» e più breve dell’originale di ben 30 minuti. Lo ha detto oggi l’agenzia di stampa cinese Xinhua. Il film, la cui durata è di 156 minuti, ambientato nella Shanghai degli anni Quaranta, protagonista una esponente della resistenza cinese agli invasori giapponesi che si concede a un collaborazionista in un rapporto morboso, mostra molte scene di sesso. Ang Lee, che aveva già vinto il Leone d’oro nel 2005 con I segreti di Brokeback Mountain, ha provveduto personalmente a tagliare alcune scene. «Lo spirito del film resta comunque anche dopo questa operazione chirurgica», ha riferito l’agenzia, citando le parole del regista, che garantisce che la pellicola potrà essere vista anche dai minori. In Cina, il film uscirà nelle sale il 26 ottobre, con un mese di ritardo rispetto agli altri paesi.