«Cina, obiettivo 300mila vetture entro il 2010»

da Milano

La Fiat punta a produrre trecentomila vetture entro il 2010 in Cina. Lo ha detto il presidente della Fiat, Luca Cordero di Montezemolo, durante la presentazione della “Perla”, cioè la nuova berlina cinque porte, tre volumi, 1.600 di cilindrata, prodotta in Cina. Per il lancio è stata consegnata la prima vettura al primo cliente cinese che l’ha ordinata, un produttore di ascensori.
«Oggi la capacità produttiva è di 40mila vetture - ha evidenziato Montezemolo -, l’obiettivo che ci siamo posti è quello di produrne 300.000 entro il 2010 attraverso una completa ristrutturazione del processo produttivo, con nuovi modelli e con un impegno fortissimo sul circuito dei fornitori». La nuova “Perla”, che ha un costo compreso tra gli 8.500 euro per la base e 9.500 euro per quella più accessoriata, è stata progettata e costruita in Cina per il mercato locale, ma sotto il controllo dei tecnici italiani.
Dal prossimo anno - ha annunciato Montezemolo - sbarcherà sul mercato cinese anche il “Doblò”. Rivolgendosi poi ai dipendenti dello stabilimento di Nanchino (complessivamente 3mila persone lavorano nello stabilimento di Nanchino e 8mila sono i dipendenti Fiat in Cina), che hanno partecipato alla cerimonia del lancio della vettura, ha assicurato loro che «chi lavora qui avrà più possibilità e prospettive. Spero che la Ferrari - ha detto - vinca anche per voi il prossimo Gran Premio che si terrà tra quindici giorni a Shanghai».