In Cina il «pesante» Genlyon

È stato presentato a Pechino, nello splendido scenario dello stadio nazionale, vicino ai più famosi siti Olimpici del «Nido d’uccello» e del «Cubo d’Acqua», il Genlyon, un nuovo veicolo della gamma pesante della Saic-Iveco Hongyan Commercial Vehicle (Sih) destinato al mercato interno cinese. Alla manifestazione hanno preso parte l’Ambasciatore d’Italia in Cina, Riccardo Sessa, il vicepresident di Saic, Xiao Guopu, e l’amministratore delegato di Iveco, Paolo Monferino, oltre al general manager della Sih (Saic-Iveco Hongyan) Yang Shuyi. Genlyon è il primo frutto della joint-venture tra Saic e Iveco che, progettato direttamente in Cina, ha portato l’eccellenza tecnologica e la qualità europea di Iveco nel mercato asiatio, consentendo un ingresso strategico nel segmento «premium» dei veicoli pesanti. Prodotto nello stabilimento Sih di Chongqing, il Genlyon sfrutta la combinazione tra il design aerodinamico della cabina e l’alto rendimento del motore di ultima generazione per presentarsi come un veicolo alto di gamma che garantisce un consumo ridotto rispetto alla migliore concorrenza mondiale. L’eccellenza tecnologica di Genlyon si mostra subito grazie alla cabina ereditata dallo Stralis Active Space, caratterizzata da allestimenti interni e un design esterno appositamente studiati per il mercato locale, con condizionatore d’aria e sedile sul lato guidatore a sospensione d’aria di serie. Il cuore di Genlyon è il motore Cursor, collegato a un cambio a 12 marce sincronizzate attraverso una frizione di 430 mm di diametro. Il motore è disponibile in quattro versioni con una potenza che varia dai 270 ai 400 cv, ed è certificato secondo le norme ambientali più rigorose.