Cineland, ultimi fuochi di cabaret

Il pensiero corre alla Morte evocata da Ingmar Bergman e, in maniera più dissacrante, ma altrettanto incisiva da Woody Allen. Nel caso di Cineland Cabaret, la rassegna che volge al termine sul lungomare di Ostia, la situazione è decisamente improntata alla comicità. A trovarsi al cospetto dell’impietosa signora che brandisce la falce è infatti il personaggio noto come «Pino la lavatrice», del trio sassarese Pino e gli anticorpi.
Con l’inconfondibile inflessione sarda, Roberto Fara e i fratelli Michele e Stefano Manca, componenti del trio e volti noti della trasmissione Colorado Cafè Live, proporranno una carrellata di gag con filo conduttore le disavventure di Pino, ora impegnato in un provino per una pubblicità, ora a colloquio per un posto in un call center.
Lo vedremo anche esibirsi con la chitarra durante un concerto rock, litigare con il navigatore satellitare della sua auto e venire perciò fermato dalla polizia e, appunto, incontrare la Morte in persona. In ciascuna occasione «Pino la lavatrice» porterà avanti la sua filosofia (racchiusa nel motto «non ci sono problemi, tu mi dici quello che devo fare e io lo faccio, fidati») ma avrà a che fare con varie figure autoritarie.
Non mancheranno poi le incursioni dei nanetti del «Teatrino» e degli irresistibili interpreti della parodia del film Matrix.
Sabato, per la serata finale di Cineland, ecco il Pic (pronto intervento comico) del cabarettista Marco Passiglia, meglio noto come Skizzo. Accompagnandosi con la chitarra, l’attore presenterà il suo nuovo spettacolo, uno dei 2 lo vedo male…, sul tema dell’identità sociale messa un po’ a rischio in epoca di sms, chat e organismi «mediaticamente modificati».
Cineland Cabaret, via dei Romagnoli, 515 (Ostia). Venerdì ingresso 15 euro; sabato ingresso gratuito (entrambi gli spettacoli sono alle ore 22). Informazioni: 392.0722444.