Cinema, in aumento il download illegale da Internet

The Dark Knight, l'ultima pellicola della serie Batman, non ha battuto solo tutti i record di incassi e di vendite di dvd e Blu Ray, ma anche quello, non invidiabile per i suoi produttori, di film più scaricato illegalmente da Internet. Secondo una società specializzata in ricerche sul file-sharing, per «The Dark Knight» sono stati registrati oltre sette milioni di download illegali in tutto il mondo. La piaga della pirateria online, nonostante gli sforzi legali delle majors cinematografiche e le nuove leggi in alcuni Paesi europei, non conosce crisi e, anzi, è in netto aumento. Per TorrentFreak.com, sito che conteggia i download dalla rete in particolare nel peer to peer, nel 2008 ogni singolo episodio del telefilm «Lost», coprodotto dalla statunitense ABC, è stato scaricato illegalmente oltre 5 milioni di volte, soprattutto al di fuori degli Usa. Sulla scia dell'industria discografica, anche quella del video sta però di legalizzare e trarre profitto dal canale online. Negli Stati Uniti colossi dell'home video Netflix e Blockbuster hanno iniziato a vendere e noleggiare film e telefilm da Internet, anche attraverso le nuove reti per console. Questa settimana Netflix ha fatto sapere che già un milione di utenti ha scaricato legalmente film e telefilm usando l'Xbox 360, la console di Microsoft, nei primi tre mesi dal lancio del servizio. Non c'è dubbio comunque che la piaga della pirateria online, nonostante gli sforzi legali delle major cinematografiche e le nuove leggi in alcuni Paesi europei, non conosce crisi e, anzi, è in netto aumento. La Motion Picture Association of America, che riunisce le principali case cinematografiche statunitensi, nella sua ultima indagine ha stimato in oltre 18 miliardi di dollari all'anno la perdita dell'industria a livello globale dovuta alla pirateria. Di questi, circa il 40% è rappresentato dalla pirateria online.