CINEMA SURREALE

Nasce a Milano l'8 maggio 1948. L'esordio è del 1979, con una vicenda tra surrealismo e nonsense, «Ratataplan», impone il suo atipico personaggio, grazie a una comicità muta e stralunata. Poi arrivano «Ho fatto splash» (1980) e «Domani si balla» (1982). Per «Il Bi e il Ba» (1985) inscena un flebile scherzo paratelevisivo. Ecco quindi «Ladri di saponette» (1988), dove la satira della tv si mischia alla citazione di De Sica. In «Volere volare» (1990) sovrappone attori e cartoni alla maniera di Zemeckis, seguono «Stefano Quantestorie» (1992), «Palla di neve» (1995), dove di nuovo non recita, «Luna e l'altra» (1996) e «Honolulu Baby» (2001), dove riprende il personaggio dell’ingegner Colombo.