Cinese grave dopo aver interrotto la gravidanza in clandestinità

Sono gravi le condizioni di una cinese di vent’anni, che lunedì notte si è presentata all’ospedale Careggi di Firenze con una perforazione all’utero e all’intestino. La donna perdeva molto sangue a causa di un aborto provocato. Sulle circostanze sta indagando la squadra mobile. La giovane avrebbe fornito più versioni: di essersi provocata da sola l’interruzione di gravidanza utilizzando arnesi da cucina ma anche di essere caduta. Per il personale medico che l’ha soccorsa, l’aborto, avvenuto probabilmente al quarto-quinto mese, sarebbe stato procurato da terzi e la polizia sta cercando di accertare se e chi, ascoltando amici e parenti.
La donna rischia la vita: la prognosi non potrà essere sciolta prima di 48 ore.