Il cinese Gu Wenda nella Babele dei segni

Prosegue allo Spazio Oberdan dia viale Vittorio Veneto 2 il programma di eventi collaterali alla mostra «Cina: prospettive d'arte contemporanea»: domani, alle 18.30, l'incontro è con Gu Wenda, uno degli artisti cinesi più acclamati a livello internazionale, maestro indiscusso di una sua molto personale «calligrafia» (o, forse, «anticalligrafia»), che ripensa questa antichissima forma artistica per evidenziare la caotica babele contemporanea dei linguaggi. Gu Wenda si presenta al pubblico milanese alla vigilia della propria grande mostra personale che si terrà in novembre a Shenzhen, in Cina. Nel corso della serata, introdotta da Cees Hendrikse, l'artista parlerà, dialogando col pubblico, del modo in cui la sua iniziale passione per la grande tradizione calligrafica cinese si è trasformata creativamente nelle sue opere attuali.