Cinquant’anni di mimose per celebrare la sagra

Settimana di appuntamenti sulla piazza di Pieve Ligure Il clou la sfilata dei carri allegorici

Quindici quintali di mimosa da distribuire a oltre diecimila persone durante la tradizionale festa di Pieve Ligure.
Ieri mattina a Palazzo Ducale il sindaco Adolfo Olcese e il vicesindaco Felice Migone hanno presentato la cinquantesima edizione della sagra del fiore giallo che attira da tutta la Liguria, ma anche dal resto d’Italia e dall’estero, migliaia di turisti nella splendida cittadina della riviera genovese. L’appuntamento clou è in programma domenica 11 con la sfilata dei carri fiche partiranno da piazza D’Amato, sull’Aurelia per arrivare un paio di ore più tardi fino a Pieve Alta. Top secret ancora i temi degli allestimenti dei quattro decoratissimi carri realizzati dagli Amixi da Ciassa, Soms Pieve Alta, Associazione artigiani Pieve Ligure, Circolo Fidas e Polisport. Mentre sugli altri sette, oltre all’adornamento di rami e rametti di mimosa, ci saranno i quadri realizzati da bimbi e ragazzi delle scuole piovesi che sfileranno insieme a quelli tradizionali fino a Pieve Alta.
«Abbiamo investito molto sui giovani – spiegano Olcese e Migone – per mantenere la tradizione della sagra anche nel cuore delle future generazioni. I bimbi delle cinque classi elementari, inoltre, durante l’anno scolastico hanno realizzato una serie di tavole e disegni sul tema della mimosa che sono stati pubblicati su un quaderno patinato e illustrato stampato in millecinquecento copie. Quest’anno abbiamo deciso, per onorare il cinquantesimo anniversario della festa, di organizzare una serie di eventi collaterali che sono stati inaugurati venerdì con la presentazione del libro I confini del lager, testimonianze di deportati liguri e che continuano fino a domenica con appuntamenti culturali, musicali, teatrali, concorsi di pittura».
Il programma della festa della mimosa, domenica, comincia alle 9 quando partirà il primo trenino su gomma che percorrerà le vie del paese e, allo stesso tempo, cominceranno ad andare su e giù, fino a sera, i bus navetta con partenze dalla stazione ferroviaria e arrivo a Pieve Alta. Tra le novità dell’edizione 2007 c’è l’annullo filatelico delle Poste italiane e il concerto dei Campanari liguri che suoneranno a festa le campane prima e dopo la funzione religiosa che celebra l’evento della sagra della mimosa. Inoltre è previsto un concorso di composizione floreale, esposizione dei manufatti, fotografie e disegni delle passate edizioni della sagra, che saranno anche oggetto di una mostra di quadri estemporanea e raccolti in un libro d’oro che celebra i migliori carri fioriti degli ultimi 50 anni.
Per questa edizione gli organizzatori consigliano di usare il treno e i bus con le fermate e convogli supplementari di domenica. I posti auto non sono molti e a disposizione, comunque, ci sono i 150 posteggi nell’area antistante la stazione ferroviaria. Il traffico veicolare, dalle 13 alle 18, sarà chiuso fra l’Aurelia e Pieve Alta per la sfilata dei carri allegorici.
Martedì 6 al circolo parrocchiale Massone alle 20,30 conferenza sulla cultura dell’ulivo e metodologie e tecniche della costruzione dei muretti a secco, giovedì 8, alle 21, commedia genovese Tutto pe ‘n vasetto de crema di Arnaldo Rossi, venerdì 9, alle 21, serata in onore dei cantautori liguri con brani di Bruno Lauzi e Fabrizio De Andrè, sabato 10 in largo Rollino, dalle 8 alle 16, concorsi di pittura e composizione floreale, alle 20,30, alla Soms di pieve Alta, serata con stand gastronomici.