Cinquanta allenatori a scuola da Gasperini

Davanti agli occhi di una cinquantina di aspiranti allenatori arrivati dal Piemonte e di un curioso collezionista di figurine Panini che cercava l'autografo di Caneo, lui corre e scatta come se nulla fosse. L'affaticamento al bicipite sembra cosa passata e così il centrocampo rossoblù in vista di Siena tira un sospiro di sollievo: Ivan Juric ci sarà. Salvo sorprese andrà a riprendersi un posto in quel centrocampo che a Siena dovrà già fare a meno di Milanetto squalificato. E il sollievo di Gasperini è doppio perché, dietro, Santos ritorna ad allenarsi con i compagni in vista di una trasferta nella quale mancherà Lucarelli. Ma al Palio non vuole mancare assolutamente all'appuntamento anche quel Beppe Sculli che con il Toro, per la quarta volta in questa stagione, ha assaporato la gioia del gol. «Non mi voglio fermare qui - ha dichiarato - voglio continuare a segnare ancora due o tre gol e mi piacerebbe continuare con il Siena». Ambizioso l'attaccante rossoblù che si dichiara soddisfatto della sua stagione. «Sono felice - ha aggiunto - mi sento bene sia quando gioco come esterno d'attacco sia come esterno di centrocampo, ruolo quest'ultimo che ho già ricoperto a Messina». Sculli uomo ovunque anche quando c'è da parlare di Intertoto, un «traguardo possibile, da non scartare». Ma prima c'è la trasferta di Siena. «I toscani sono avversari tosti - ha aggiunto - Hanno un reparto offensivo molto veloce che, all'occorrenza, può farci male. Penso a Frick e Maccarone. Con la Lazio, pur non avendo disputato una grande prestazione, sono riusciti a strappare un pareggio. Dovremo mantenere alta la concentrazione e puntare dritti alla vittoria anche perché dobbiamo riscattare la prova dell'andata quando al Ferraris c'infilarono per ben tre volte».
Intanto prosegue la prevendita per Siena presso l'Agenzia Viaggi LM di via V Maggio, 95r. Ad oggi sono circa un migliaio i tifosi che partiranno a bordo di mezzi privati e dei pullman organizzati.