Cinque discariche abusive scoperte dai carabinieri: denunciate tredici persone

Felix Lammardo

da Savona

Tredici persone denunciate all’autorità giudiziaria, una ventina raggiunte da sanzioni di carattere amministrativo, cinque le aree sequestrate in quanto adibite a discariche o depositi abusivi di rifiuti per una superficie complessiva di 12mila metri quadri. È il bilancio dell’operazione a tutela dell’ambiente condotta dal Comando provinciale dei carabinieri di Savona con l'ausilio del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) di Genova. L’indagine è ancora in corso in tutto il Savonese e rappresenta la prosecuzione di un maxi controllo effettuato il 27 e 28 ottobre dello scorso anno, quando furono portati alla luce depositi di rifiuti non autorizzati per i quali era scattato l'ordine immediato di bonifica. La necessità di approfondire la situazione di nuovi siti sospetti ha indotto i carabinieri, coordinati dalla Procura di Savona, ha compiere accertamenti a largo raggio. Le località interessante sono Albenga, Tovo San Giacomo, Celle Ligure, Varazze e Alassio. I reati riguardano soprattutto lo smaltimento irregolare di residui di lavori edili, parti di auto e moto e pneumatici. Il nuovo blitz degli uomini dell'Arma per individuare le violazioni in materia ambientale è scattato anche per l’imminenza della stagione estiva, al fine di debellare la presenza di possibili materiali nocivi e pericolosi che minerebbero il patrimonio paesaggistico. Sul materiale sequestrato dai militari verranno compiute analisi accurate per accertarne la pericolosità.