Cinque passeggiate in versi attraverso la città

Addii, fischi nel buio, cenni, tosse / e sportelli abbassati. È l’ora. Forse / gli automi hanno ragione. Come appaiono / dai corridoi, murati! Eugenio Montale (Le occasioni, mottetti)

Ed ecco il teatro che prosegue, che lascia la scena per continuare la scena in spazi aperti, diversi, esplicativi. Nascono così le passeggiate letterarie, vero e proprio prolungamento dello spettacolo «Poeti vs cantautori». Cinque passeggiate sulle tracce geografiche che mettono in luce angolature inedite di Genova, cinque passeggiate omaggio ai poeti e alla scuola dei cantautori genovesi che intendono svelare nuovi dettagli sulla vita di questi personaggi, indissolubilmente legati ai diversi luoghi della città che fecero da sfondo alla loro opera, evidenziando insospettabili legami.
Il via all’iniziativa lo darà sabato 3 marzo la passeggiata dedicata al poeta Giorgio Caproni, livornese di nascita ma profondamente genovese nell’anima (definirà Genova «la mia vera città»), in compagnia di Luigi Surdich. Tema: «Genova vista dai monti: dalla Zecca al Righi con la storica funicolare».
Mercoledì 7 marzo toccherà al Nobel per la letteratura Eugenio Montale. Massimo Bacigalupo, che farà da guida, cercherà di capire di più sulla sua scuola: l’Istituto Vittorio Emanuele II.
Sarà Clario Di Fabio, sabato 10 marzo, a presentare ai partecipanti alla passeggiata «Genova vista dal mare; visita in barca alla scoperta del porto di Genova», attraverso i luoghi e i versi di Dino Campana.
L’omaggio a Camillo Sbarbaro, andrà in scena mercoledì 14 marzo con un tema a «luci rosse». Ferdinando Bonora si metterà infatti sulle tracce delle case chiuse di una volta.
E per finire, sabato 17 marzo, tutti a bordo di un bus cabriolet con il giornalista Nino Pirito come accompagnatore. L’itinerario porterà a conoscere la Foce, Boccadasse, Albaro. «La Genova dei cantautori», questo il titolo del tour con Pirito, non potrà certo prescindere dai colori e dagli umori di quella «città vecchia» di cui Fabrizio De André cantava: «Se ti inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli / In quell’aria spessa carica di sale, gonfia di odori / lì ci troverai i ladri gli assassini e il tipo strano / quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano».
Tutti gli incontri avranno inizio alle ore 18 e dureranno circa un’ora e mezza ciascuno. Il costo di ogni passeggiata è di 6 euro, mentre i possessori di carnet Tosse o del biglietto dello spettacolo potranno effettuare il tour al costo di soli due euro.