Cinque week end d’autunno sulla via Emilia: mostre e festival da non perdere

Cinque week end speciali per riprendere fiato dopo una settimana di lavoro, telefonate, ufficio. Per chi ha voglia (o bisogno!) di partire, ma cerca l’ispirazione giusta eccone cinque. Sono cinque occasioni tutte lungo la via Emilia, in questo periodo ci sono vari festival, come quello della Poesia nel circuito dei piccoli borghi modenesi, appuntamenti creativi come il Meeting delle Etichette Indipendenti a Faenza o la Settimana del Buon Vivere in Romagna. Se poi è la buona musica quello che vi rilassa, ecco Rimini con la Sagra Malatestiana e il Festival Verdi a Parma. Il sito è www.cittadarte.emilia-romagna.it. Altrimenti va benissimo scaricare l’app gratuita www.art-city.mobi

A Forlì e in Romagna c’è la Settimana del Buon Vivere
Con teologi, scienziati economisti ci interroga sul senso della vita buona

Dal 19 al 27 settembre la Romagna si accenderà con il festival della Settimana del Buon Vivere. 100 appuntamenti con economisti, sacerdoti, scienziati, pranzi di solidarietà nei parchi (ci sarà una lunghissima tavolata nel parco di Forlì), ma anche cene stellate come quella dello chef Massimo Bottura (45 euro). Si parlerà di arte, cultura, benessere, innovazione, sostenibilità ambientale, giustizia. Inaugurazione con la Lectio Magistralis di padre Enzo Bianchi, la mattina del 21 settembre a Forlì alla chiesa di San Giacomo sul senso dell’esistenza: ogni uomo, credente o non credente, lo cerca continuamente così come i ragazzi sentono il vuoto dell’educazione e cercano qualcuno che li guidi nel difficile mestiere di vivere. Fra i momenti più emozionanti l’incontro con Simona Atzori, incantevole danzatrice senza braccia, focomelica. Sarà la protagonista di un momento intitolato con una domanda universale: cosa ci manca per essere felici. La risposta è… nulla. Insomma cento appuntamenti, in sedi e in città diverse. Forlì, Ravenna, Rimini, Riccione, Cesena…. www.settimanadelbuonvivere.it

Rimini, La Sagra Malatestiana, rassegna di musica di qualità

La seconda proposta è Rimini per passeggiare sul Ponte di Tiberio e fra le casine color pastello a ridosso del porto. Trascorrere qualche giorno a Rimini fra settembre e ottobre. non è solo l’occasione per godersi l’ultimo mare, ma anche per scoprire la Sagra Malatestiana fra concerti ed eventi dove la musica s’intreccia con altre arti. E così dopo un salto in spiaggia e una visita al commovente Crocifisso dipinto da Giotto esposto dentro il Tempio Malatestiano, la sera ci si veste eleganti per andare a teatro. La Sagra Musicale Malatestiana è una delle manifestazioni più longeve d’Italia. Ha ospitato i più prestigiosi direttori, solisti e orchestre Attesissimo il pianoforte originale di Giuseppe Verdi: dopo 70 anni di silenzio e un lungo restauro torna a suonare a Rimini in due serate il 20 e 21 settembre al Teatro Galli. Un pianoforte per Verdi con Emanuele Lippi direttore maestro concertatore al pianoforte, i Cantanti Solisti di Accademia dei Musici e il Coro Lirico Città di Rimini. Fino al 17 ottobre

Faenza si riempie di creativi e artisti
con il #NuovoMEI - Meeting Etichette Indipendenti

Faenza, citta scenografica e rinascimentale, dal 1° al 4 ottobre si riempie di artisti e di band giovanili. Il motivo? Il Meeting delle etichette indipendenti e delle autoproduzioni. Il Mei è la più manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana. Vi partecipano case discografiche, artisti, videomaker, scrittori, webmaster, produttori, stampatori di cd, club, siti di musica. L’appuntamento è il più atteso dell’anno per le giovani band e per gli artisti emergenti. Buona musica, tanta arte, grandi promesse. Tutto nel centro storico. Senza contare che ottobre è anche uno dei periodi più piacevoli per visitare questa piccola città d’Arte con i suoi scorci barocchi, rinascimentali e le sue ceramiche artistiche. Il momento clou è il 3 ottobre con la Notte Bianca del Mei. Un evento insomma (non ce ne sono tantissimi in Italia) che punta sulle giovani generazioni, la creatività musicale e sui nuovi talenti musicali. www.meiweb.it

A Parma per il Festival Verdi 2015

Se Parma avesse una voce, sarebbe un’opera lirica. Di Giuseppe Verdi, ovviamente. Dal 1° al 31 ottobre torna il Festival Verdi, l'annuale appuntamento per celebrare il Maestro di Roncole di Busseto al Teatro Regio di Parma, palcoscenico fra i più temuti del mondo. L’edizione 2015 s’ispira ad un sonetto di Shakespeare “Si può viaggiare nell’infinito” e dunque al tema del viaggio e alle sue direttrici. Quest’anno il Festiva si presenta molto ricco con la produzione di tre titoli d’opera (due sono nuovi allestimenti) e nel denso programma di concerti, incontri, mostre, giornate di studi, spettacoli e attività di approfondimento. Tre sono le sezioni: alle opere e ai concerti del cartellone principale si intrecciano gli appuntamenti di Around Verdi che annoverano una prima assoluta e un brano commissionato ad hoc. C’è poi VerdiYoung con proposte spettacolari dedicate al pubblico dei più piccoli e tanti laboratori didattici, lezioni tenute da maestri e artisti protagonisti del festival offerte gratuitamente. Insomma da prenotare subito una fuga a Parma, città romantica dalle atmosfere parigine. www.festivalverdi.it

A Piacenza per Oro Rosso il Festival del Pomodoro del Nord

Quando si dice pomodoro, si pensa alla campagna dell’Italia del sud. In realtà nella zona fra Piacenza e Parma (ma anche le altre città sulle rive del Po) c’è da secoli un’intensa attività di coltivazione di qualità di questo ortaggio, il più presente nelle tavole delle famiglie italiane. Ci pensa adesso Piacenza, citta d’arte di grande charme, a ricordalo e a celebrarlo finalmente come si deve. Dal 2 al 4 ottobre va in scena Oro rosso - Festival del pomodoro del nord. Chi arriva in città si coinvolto in degustazioni, convegni, ospiti speciali, e spettacoli dedicati al pomodoro del Nord. C’è un sistema d’eccellenza che produce e lavora in questo territorio oltre il 50% del pomodoro italiano. Insomma un week end speciale. Ci saranno chef stellati con show cooking a tema (dalla bruschetta al bloody mary passando per la pizza e la pasta, in un “matrimonio” celebrato ad hoc); ristoranti, che per l’occasione proporranno solo menu in rosso, operatori che sveleranno i segreti della coltivazione e il fascino dei vari processi di trasformazione, laboratori didattici per bambini e molti spettacoli, mostre, parate in costume, sfide a colpi di mattarello… www.ororosso.net