Il Cio: «Alcune gare potrebbere slittare a causa dello smog»

Pechino. L’inquinamento atmosferico potrebbe modificare il programma delle gare dei Giochi. Lo ha dichiarato ieri il presidente del Cio, il Comitato olimpico internazionale, Jacques Rogge. Parlando in occasione dei festeggiamenti per l’inizio del conto alla rovescia dei Giochi previsti per l’8 agosto 2008, Rogge ha detto alla tv americana Cnn che «la variazione di orario di alcuni eventi è un’ipotesi da considerare: non sarebbe necessaria per tutti gli sport». Rogge ha spiegato che per gare che comportano molte ore all’aperto, come il ciclismo, potrebbe rendersi necessario posticipare l’orario d’inizio della prova, oppure rinviarla, in base ai dati dell’inquinamento dell’aria. Anche il presidente del Comitato olimpico australiano, John Coates, ha rivelato la propria preoccupazione in merito allo smog di Pechino. «Il più grosso problema per i nostri atleti - ha dichiarato - sarà quello dell’inquinamento. Di sicuro raccomanderemo loro di non venire qui con troppo anticipo, per evitare il rischio di prendersi malattie di tipo respiratorio o gastrico».