Cioè: questi li segnavamo anche noi

1° posto

Gomez (Germania-Austria)
Tanta fatica per niente, avrà pensato il tedesco Miroslav Klose: finta e controfinta sulla destra, cross rasoterra facile facile per Gomez che invece di insaccare da due-metri-due a porta vuota s’inventa uno stranissimo colpo di stinco. Risultato, palla fuori e primo premio nella nostra classifica.
2° posto

Robben (Olanda-Romania)
Sarà stato il continuo ricorrere alla parola «biscottone», ma Robben, durante Olanda-Romania, deve avere avuto uno strano languorino: serpentina ubriacante nella difesa romena e, una volta solo davanti a Lobont, palla calciata malamente a lato. Per fortuna per noi italiani, Van Persie e Huntelaar avevano fatto abbondante colazione al mattino...
3° posto

Toni (Italia-Francia)
A essere onesti, il nostro Luca Toni, in questi Europei la porta l’ha vista veramente poco. Ancor meno l’ha vista contro la Francia: aggancio volante nel cuore dell’area di rigore rovinato da un pallonetto degno solamente del miglior Diego Dominguez, il rugbista. Alle stelle.
4° posto

Yakin (Svizzera-Turchia)
Forse lo svizzero di origine turca Hakan Yakin, nell’incontro contro la Turchia, non voleva infierire contro la nazionale di Terim: ecco perchè due minuti dopo il suo gol del momentaneo uno a zero, ha preferito spedire ai tifosi svizzeri in tribuna la palla del possibile due a zero
5° posto

Leitgeb (Polonia-Austria)
Polonia-Austria è la saga del gol mangiato. Al 15’ Leitgeb si invola in contropiede, davanti a Boruc potrebbe appoggiare a un compagno, ma preferisce far fare bella figura al portiere polacco. Quanta generosità....
6° posto -

Gomez (Germania-Polonia)
Quanti chili avrà preso Mario Gomez in quest’Europeo? A giudicare dai gol mangiati, persino troppi. Questo a tre minuti dall’esordio contro la Polonia: Klose, ancora lui, mette una palletta in area piccola che Gomez, a porta vuota, appoggia fuori. Strano...
7° posto

Harnik (Polonia-Austria)
Polonia-Austria, l’austriaco Martin Harnik se la ricorderà per un bel po’: due gol sbagliati nel giro di tre minuti è un record degno del miglior Egidio Calloni. Al 10’ l’attaccante austriaco è tanto furbo a infilarsi tra i marmorei difensori polacchi Jop e Bak, quanto catastrofico solo davanti a Boruc: palla fuori. Ma è solo l’antipasto...
8° posto

Henry (Francia-Olanda)
Se anche un campione del calibro di Henry, si è voluto accomodare alla saga del gol mangiato, beh il banchetto continentale doveva essere veramente lauto: rovesciata volante di Malouda a servire l’attaccante francese che davanti a Van der Sar sceglie il pallonetto. Alto. Buon appetito.
9° posto

Harnik (Polonia-Austria)
Ancora Polonia-Austria, ancora Harnik al tavolo delle ordinazioni. Questa volta dal menu sceglie il «rigore in corsa addosso al portiere». Una prelibatezza che Boruc, estremo difensore polacco, sembra gradire. Un po’ meno i tifosi austriaci.
10° posto

Pavlyuchenko (Russia-Olanda)
E chiudiamo con la sorpresa di quest’Europeo, la Russia. Pavlyuchenko - su consiglio di Henry? - davanti a Van der Sar prova il pallonetto. Il risultato potete immaginarlo...