Cipriani, primo big ai domiciliari

È il primo dei big a lasciare il carcere nell’inchiesta Telecom. Emanuele Cipriani, l’investigatore privato fiorentino titolare della Polis d’Istinto, ha ottenuto gli arresti domiciliari dal gip Giuseppe Gennari. «Il gip - spiega l’avvocato Mario Taddeucci Sassolini - ha valutato positivamente la collaborazione offerta da Cipriani per chiarire la sua posizione processuale». La scarcerazione, sia pure a “metà” di Cipriani, è il primo segnale che l’indagine potrebbe trovare nuovo carburante. Nella stessa giornata arriva il no del Tribunale del riesame alla scarcerazione di Marcello Gualtieri, commercialista di Cipriani. Gualtieri è accusato di aver ideato un sistema grazie al quale Tavaroli e Cipriani avrebbero messo a segno un’appropriazione indebita per 20,7 milioni ai danni del gruppo Pirelli-Telecom. Resta in carcere anche Giuliano Tavaroli.