Cipro, cade l'ultimo muro d'Europa

Nicosia - Cade l'ultimo muro d'Europa. Quello della linea verde, che separava la parte greca e quella turca di Nicosia. Le autorità greco-cipriote hanno dato il via ieri sera ai lavori di demolizione di un tratto di muro che separa la zona greca da quella turca di Nicosia in quello che è stato definito "un gesto di buona volonta". Oggi è crollato l'ultimo calcinaccio. Il presidente cipriota Tassos Papadopoulos ha confermato da Bruxelles che il valico sta per essere smantellato ma, in margine ai lavori del Consiglio europeo, ha detto che nessun civile potrà attraversarlo fino a quando la parte turca non ritirerà i propri militari dalla zona. "Se le truppe non saranno arretrate e gli edifici sui due versanti del valico non saranno consolidati nessuno potrà passare", ha affermato.

È dal 1974, quando il Nord dell'isola mediterranea venne occupato dalle truppe di Ankara, che ciprioti greci e turchi sono separati dalla cosiddetta Linea verde. Nicosia, la capitale, dopo la caduta di quello di Berlino è l'unica città europea divisa in due. Nella tarda serata di ieri, la centralissima Ledra Street, una strada piena di negozi e di caffè, è stata chiusa per lasciare affluire squadre di operai, bulldozer e ruspe che, al riparo di alte reti di plastica, hanno cominciato l'opera di demolizione. "I lavori saranno conclusi prima che faccia giorno", ha detto un portavoce della polizia.

Nella zona sono subito affluiti decine e decine di curiosi che non appena i martelli pneumatici sono entrati in azione si sono messi ad applaudire. A Ledra Street la barriera in muratura è alta circa cinque metri e da una passerella posta alla sua sommità è possibile osservare la "zona cuscinetto" con i suoi edifici abbandonati e pericolanti. Proprio in corrispondenza di Ledra Street, le autorità turche, che nel Nord di Cipro hanno costituito una repubblica riconosciuta solo da Ankara, lo scorso dicembre smantellarono un ponticello pedonale costruito sul loro versante nel 2005 e oggetto di forti polemiche. Da parte turca allora si auspicò che il gesto fosse reciprocato con l'abbattimento della barriera la cui demolizione è iniziata ieri sera.

"Ci auguriamo che la demolizione possa preludere ad una rapida riapertura di Ledra Street", ha commentato dal canto suo il portavoce del Dipartimento per il Peacekeeping dell'Onu, Nick Birnback. Attualmente esistono nell'isola cinque punti di passaggio tra la zona turca e quella greca. Il problema di Cipro resta uno degli ostacoli maggiori alla possibile adesione della Turchia alla Ue per la sua perdurante presenza nella parte Nord dell'isola.