Circuito lirico lombardo: qualità garantita

Circuito Lirico Lombardo: di più a meno. Questo è il senso dell’iniziativa promossa da Regione Lombardia che, secondo tradizione, porterà da domani fino all’11 gennaio 2009, cinque opere liriche nei teatri lombardi. Il cartellone è di tutto rispetto: si apre al «Sociale» di Como con Turandot di Puccini (a 150 anni dalla nascita), per seguire - tra Como, Bergamo, Brescia, Pavia e Cremona - con Gianni Schicchi, in abbinamento con La Medium di Giancarlo Menotti; Don Pasquale di Donizetti, il verdiano Falstaff e Carmen di Bizet. Spettacoli di qualità (43 repliche) destinati a un pubblico vasto. Da rimarcare che quattro produzioni sono nuove, e il valore aggiunto è garantito dall’Orchestra dei Pomeriggi Musicali, che si accinge (il 23 ottobre) a inaugurare la stagione al Dal Verme. Il tutto, per un budget che non supera i 10 milioni di Euro. «Un bell’esempio per tutti - ha affermato l’assessore alla Cultura della Lombardia Massimo Zanello -, anche nei confronti di chi (leggi musicisti della Scala, n.d.r.) preferisce le dispute sindacali all’assunzione di un doveroso senso di responsabilità».