La Cirinnà: occhio a Fido

«Chi ama gli animali non usi i botti e chi festeggia con i botti è inconsapevolmente colpevole ogni anno della morte di moltissimi animali per spavento, ferite e assideramento». È l’appello di Monica Cirinnà, delegata del sindaco di Roma per i diritti degli animali, a «tutti i romani e a tutte le persone sensibili». Bisogna cercare di «evitare - ha detto Cirinnà - la strage che si consuma ad ogni Capodanno di moltissimi animali che, terrorizzati, si rifugiano nei posti più impensabili e finiscono spesso col morire». Lo scoppio dei fuochi, ha spiegato la delegata del sindaco, viene avvertito in modo considerevolmente maggiore da cani e gatti, basti pensare che «l’uomo percepisce suoni fino a 15 hertz, il cane fino a 60 mila e il gatto fino a 70 mila hertz». Ecco perché «cani e gatti per lo stress fuggono dai giardini, finendo spesso vittima del traffico o di ostacoli invisibili al buio». Cirinnà ha poi dato dei consigli ai proprietari di animali che non possono portarli con sé la notte di San Silvestro: tra questi, serrare le finestre e lasciare accese radio e tv per attutire i rumori esterni.