Cirio, in arrivo altri rimborsi per gli obbligazionisti

Il commissario straordinario Farenga: «Pronto il piano di riparto per i possessori di bond della Del Monte Finance Luxembourg»

da Milano

Sono in arrivo nuovi rimborsi, per circa 100-120 milioni di euro, destinati ad alcune migliaia di obbligazionisti della Cirio, coinvolti nel crac firmato Sergio Cragnotti. Stavolta, ha dichiarato all’agenzia Radiocor il commissario straordinario Luigi Farenga, i destinatari saranno i bondholder della Del Monte Finance Luxembourg, una delle tre società lussemburghesi coinvolte nel default del gruppo. «Il piano di riparto - ha spiegato Farenga - è già pronto. Alle migliaia di obbligazionisti della Del Monte Finance Luxembourg dovrebbe tornare tra il 35 e il 40% dell’investimento. Entro fine mese ci sarà una riunione del comitato di sorveglianza del ministero per lo Sviluppo economico per dare il parere sul progetto. Poi l’ultima parola spetterà al tribunale. Presumibilmente a ottobre dovrebbero partire i rimborsi».
I tre commissari straordinari della Cirio (Luigi Farenga, Attilio Zimatore e Mario Resca) hanno già portato a termine un primo piano di riparto per gli obbligazionisti della Cirio Del Monte. Allora ai bondholder - come a tutti gli altri creditori chirografari, quelli cioè che non godono di alcun privilegio - era tornato in tasca solo il 6 per cento. La prima tranche di rimborsi aveva preso il via lo scorso gennaio, per un totale di 70 milioni di euro. In quell’occasione, lo stesso Farenga aveva annunciato che alcuni dei successivi riparti avrebbero potuto essere «molto più soddisfacenti per gli obbligazionisti». Il crac Cirio (un buco di 1,125 miliardi di euro di bond andati in default) ha coinvolto migliaia di piccoli risparmiatori, che da oltre due anni attendono di essere rimborsati.