Città invasa dai cartelloni abusivi

Cartelloni abusivi, parcheggi, spiagge e Postel all’ordine del giorno dei lavori (e delle polemiche) ieri in consiglio comunale.
Cartelloni abusivi Cartelloni e volantini abusivi appesi a muri, cassonetti, alberi. Ce ne sono tanti, troppi. Anche per Lilli Lauro, consigliere comunale del Pdl, che ha sollevato il problema in aula. Con un piccolo scontro con l'assessore al bilancio, Franco Miceli. Che mostrando all'aula due cartelloni abusivi, ha spiegato come non sempre per gli uffici comunali - sono 3 gli addetti a questo settore - sia facile risalire a chi ha affisso il manifesto. «In realtà è più che sufficiente leggere con attenzione i cartelloni - dice Lilli Lauro -. Se non c'è un numero di telefono preciso, c'è certamente un evento pubblicizzato. Un minimo di attività di ricerca permetterebbe al comune di Genova di far rientrare, attraverso le multe, diverse risorse». I numeri lo provano: il Comune ha eseguito 2400 interventi e ha recuperato, con le contravvenzioni, 22mila euro. Nel 2009, invece, gli interventi sono già stati 1662, a fronte di più di ventimila euro di tasse di affissione mai corrisposte al Comune.
Parcheggi «su misura» Con una delibera della giunta comunale, la Genova parcheggi potrà dare vita a una «scacchiera di tariffe differenziate». Potranno di fatto diventare realtà degli abbonamenti, simili a quelli della blu area, riservati agli over 65 e alle future mamme. Che ad ore e in zone prefissate, potranno parcheggiare a tariffe vantaggiose. Non è l'unica innovazione prevista. Facilitazioni simili, infatti, potranno essere messe in campo per chi frequenta impianti sportivi - come la bocciofila dello Zerbino - o per i clienti dei mercati rionali o di complessi commerciali che abbiano preso accordi con la società che gestisce i posteggi. Certamente, l'obiettivo finale, è quello di facilitare l'accesso al servizio pubblico. «Se operiamo in questo senso - ha ammesso l'assessore Simone Farello - è anche per supplire a evidenti mancanze del servizio pubblico, che, nella nostra città, manca di capillarità». Sarà per esempio possibile, per gli abbonati Amt, usufruire di uno sconto speciale su uno specifico abbonamento al parcheggio di interscambio, da utilizzare per giungere al centro della città in bus. La delibera, dopo essere discussa dalla giunta, passerà in commissione consigliare, per approdare poi in consiglio comunale nelle prossime due settimane.
Spiagge piu' libere Chiede «Più spiaggia libera per tutti», Marylin Fusco, capogruppo Idv in consiglio comunale. A lei, e al consiglio, l'assessore Simone Farello, ha fatto presente che il comune ha chiesto la creazione di un tavolo con Regione Liguria e Demanio per tracciare una sorta di cartina, che possa dare un assetto definitivo all'arenile, i cui confini non sono mai stati troppo chiari. Il tutto, promette Farello, entro la prossima stagione balneare.
Postel La direzione resta a Genova. «Il numero dei dipendenti di Postel, è aumentato, passando da 211 a 247. Un segno positivo da parte dell'azienda». Così Mario Margini ha rassicurato sulla questione Postel, sollevata in consiglio comunale dai consiglieri Pdl Alberto Gagliardi, Raffaella Della Bianca e dal consigliere Pd, Luciano Grillo. La direzione dell'azienda, per la quale da anni si parla di ridimensionamento e trasferimento, avrebbe confermato la volontà di mantenere i suoi uffici a Genova.