Una città in lotta per il prefisso «Basta col 666»

La tranquilla località di Reeves, in Louisiana, ha tre chiese, un centinaio di case e il numero «666» come prefisso telefonico. Soltanto nei giorni scorsi i 450 abitanti hanno vinto una battaglia che portano avanti dagli anni 60: il passaggio a un prefisso che non sia collegabile al «numero della bestia». Il via libera è arrivato dalla compagnia telefonica «CenturyTel» ed è stato salutato dal sindaco, Scott Walker, come «intervento divino». Entro i prossimi tre mesi, gli abitanti potranno cambiare le prime tre cifre in «749». «È stato un marchio per la nostra città, uno stigma -ha detto- non penso vi sia qualcosa di male, è solo immagine, siamo buoni cristiani». Il sindaco ha già attivato il passaggio al nuovo prefisso e ritiene che l’80 per cento degli abitanti di Reeves lo faranno presto. Sul numero «666» e il suo legame con figure diaboliche si sono accumulate nei decenni le più originali speculazioni. Il punto di partenza è l’Apocalisse di Giovanni (13.18): «Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei».