La città di Márquez vota per chiamarsi anche «Macondo»

Forse Macondo esisterà davvero, non soltanto nel romanzo più celebre di Gabriel García Márquez. Gli abitanti della città natale dello scrittore hanno votato ieri per decidere se affiancare al nome della cittadina di Aracataca quello di Macondo, il luogo dove l’autore colombiano ha ambientato «Cent’anni di solitudine». Marquez è nato ad Aracataca nel 1927 e lì ha vissuto fino all’età di 9 anni con i suoi nonni. Nell’autobiografia pubblicata nel 2002, «Vivere per raccontarla», lo scrittore ha raccontato come sia stato proprio un viaggio ad Aracataca negli anni Cinquanta a convincerlo a intraprendere la carriera di scrittore. L’idea di cambiare il nome al villaggio è stata lanciata lo scorso anno dal sindaco Pedro Sanchez, per rendere Aracataca un’attrazione turistica.