La città non conta La sindaco «chiude» i Municipi

Sembrava una riforma epocale, quella che avrebbe trasformato la macchina organizzativa di Genova tenendo in maggiore considerazione il territorio. Lo hanno chiamato «decentramento», ci hanno lavorato per quasi dieci anni: doveva veder transitare da palazzo Tursi alle sedi delle ex circoscrizioni deleghe e poteri, svuotare un contenitore per riempirne altri più piccoli, ma con la possibilità di incidere maggiormente sul territorio conoscendone esigenze e necessità. Ma a distanza di oltre due anni e mezzo dalla nascita delle municipalità il mega container sembra rimasto pieno e i piccoli contenitori ancora più vuoti rispetto al passato.
Volontà politiche trasversali o indirizzo dettato dalla giunta Vincenzi? Su questo il dubbio si anima, soprattutto (...)