La città della Scienza che «vola» all’indietro

Giovedì 27 ottobre, pomeriggio, arrivo all'Aeroporto «Internazionale» di Genova alle ore 18,00. Mi dicono subito che il volo Alitalia per Roma delle 18,50 è previsto con più di ora di ritardo (nessuna novità). Considerando i tempi del trasporto da Fiumicino al centro di Roma, sarò quindi a casa non prima delle 22...
Pazienza, avviso i miei famigliari a casa, e li invito a cenare senza di me, io mangerò una pizza a Genova, al bar, la fanno anche buona…. Ma che succede, arrivo al bar e l'angolo delle pizze è buio, con i lucidi vassoi di metallo tristemente vuoti ed i forni rigorosamente spenti. Al bancone dei caffè sono rimaste in esposizione poche brioches (data l'ora) ed ancora meno tramezzini, che non mi attirano per niente...
Ma come, è giovedì sera, l'inizio di un fine settimana fra i più lunghi dell'anno (un ponte), l'aeroporto (...)
SEGUE A PAGINA 50