«Cittadinanza rapida», raccolta firme per il no

Una raccolta di firme a Milano e nelle principali piazze della Lombardia contro il disegno di legge del governo Prodi, che riduce da 10 a 5 anni i tempi necessari all’ottenimento della cittadinanza italiana per gli stranieri residenti. Alleanza Nazionale comincia da piazza San Babila la campagna di sensibilizzazione sul delicato tema dell’integrazione. Ignazio La Russa, presidente dei deputati di An, ha presentato l’iniziativa: «Dopo il test positivo di Brescia ci allarghiamo all’ambito regionale e nazionale. Ci opponiamo fermamente a tutta una serie di iniziative della sinistra in materia di immigrazione, compresi i ricongiungimenti facili e l’abolizione dei Cpt, che di fatto legalizzano l’invasione dei clandestini». Riccardo De Corato, vicesindaco e assessore alla Sicurezza, ha pensato a un emendamento che preveda «l’esclusività e la revoca della cittadinanza italiana per quegli immigrati che compiano gravi reati, come accade in Svizzera».