Cittadini assaltano i poliziotti che arrestano spacciatore

C’è chi invoca più sicurezza e chi fa il tifo per i delinquenti. Chi tra guardie e ladri preferisce stare dalla parte di chi scappa e cerca persino di aiutarlo opponendosi alla cattura. Capita anche questo nella Genova che chiede una maggior presenza di forze dell’ordine sul territorio. Capita che dai balconi delle case alcuni residenti si sporgano per tirare addosso ai poliziotti secchiate d’acqua e oggetti di ogni tipo per impedire che possano arrestare uno spacciatore marocchino appena sorpreso a vendere droga nei vicoli.
La situazione paradossale va in scena martedì sera, verso le 21, in piazza Stella. Alcuni agenti del commissariato Centro hanno appena incastrato un pregiudicato che vendeva hashish in via San Bernardo e in via Turati (proprio la via Turati per la quale si invoca sempre più polizia). Un ispettore in borghese si è finto drogato e ha acquistato il «fumo», poi ha fatto intervenire i colleghi. Il tentativo di fuga del marocchino senza documenti e senza fissa dimora dura il tempo di percorrere qualche vicolo, poi, in piazza Stella, la cattura. A questo punto però entrano in scena i residenti della zona che urlando contro i poliziotti chiedono il rilascio dell’arrestato e si scagliano contro gli agenti. Lo spacciatore, tra l’altro, risulta avere già diversi precedenti penali e una lunga lista di questure italiane che gli danno la caccia.
Tra l’altro, proprio in questi giorni è in corso un più massiccio spiegamento di forze dell’ordine nel centro storico e lo sforzo delle autorità, che richiede anche un impegno difficile da mantenere a lungo, rischia di essere vanificato da episodi come quello di mercoledì sera.