Civitavecchia, la porta verso il Mediterraneo

La crociera è sempre più trendy: inaugurata la nuova ammiraglia di Costa chiamata «Concordia»

Stefano Passaquindici

Le crociere sono il settore di maggior crescita nel business del turismo: più di 13,4 milioni di passeggeri hanno effettuato una crociera durante il 2005. Navi sempre più grandi e lussuose incoraggiano l’utente a provare questa esperienza unica, e la previsione di quasi 30 nuove unità in consegna entro il 2008 è il segno evidente del forte sviluppo e dell’interesse delle Compagnie di Navigazione. L’Italia si riconferma la prima destinazione croceristica del Mediterraneo come numero totale di passeggeri movimentati davanti alla Spagna (3.500.000). Civitavecchia con 1.200.000 croceristi previsti si avvicina minacciosa nella classifica dei porti Mediterranei a Barcellona (1.200.000 passeggeri nel 2005 e 1.400.000 previsti nel 2006). Un risultato importante, che da un lato è significativo per l’economia civitavecchiese e dà un segnale di riconversione del porto laziale e dall’altro testimonia della sempre maggior attrazione dei romani per la crociera, un tipo di vacanza che, se qualche tempo fa era considerato adatto alla terza età, oggi è trendy.
Il grande successo di Civitavecchia come scalo di navi da crociera è testimoniato dalle cifre degli ultimi 11 anni: se nel 1995 attraccavano al porto 50 navi l’anno, nel 1999 si era già a 300, 960 navi nel 2005 e quest’anno si sfonderà quota mille. Come scalo croceristico Civitavecchia ha ingolosito i colossi del settore come Royal Caribbean, Msc e Costa Crociere. Proprio quest’ultima ha inaugurato ieri la nuova ammiraglia Costa Concordia nel porto della città laziale, e da domani salperà la crociera vernissage di 5 giorni, cui seguirà il 14 luglio la grande crociera inaugurale di 9 giorni. Per tutta l’estate, dal 23 luglio al 19 novembre, Costa Concordia salperà tutte le domeniche da Civitavecchia. Ma la vera sorpresa viene da Royal Caribean che, dal 17 luglio al 4 settembre, propone un itinerario di 7 notti con partenza ogni lunedì da Civitavecchia verso Napoli, La Valletta (Malta), Palma di Maiorca, Barcellona, Villefranche/Marsiglia (Costa Azzurra) a bordo della Voyager of the Seas, che rivoluzionerà il concetto di crociera in Mediterraneo. Voyager of the Seas è infatti la nave più grande che abbia mai navigato nel Mare Nostrum. Ecco alcuni numeri e paragoni per avere un’idea della straordinaria città galleggiante che avremo nel nostro mare; peso: 142.000 tonnellate, più del peso di 63.000 automobili; lunghezza: 311 m, due volte la lunghezza del Duomo di Milano (158 m) e corrispondenti a quasi 6 Torri di Pisa sdraiate (56 m di altezza);larghezza: 48 m, come l’altezza del Colosseo, quasi quanto la larghezza della Casa Bianca (51 m); superficie totale: 145.632 mq, 6 volte l’area del Colosseo. Voyager of the Seas è il paradiso degli sportivi: un muro per il Free Climbing a oltre 60 metri sul mare; un campo da basket, un simulatore interattivo di golf con campo di 19 buche, un minigolf a 9 buche, percorso di jogging e per il pattinaggio in linea esterna con vista sul mare e lo Studio B, un Palaghiaccio con ghiaccio vero, che la sera si trasforma e ospita spettacoli incredibili. Queste novità fanno di Voyager la nave più straordinaria del Mediterraneo.
Per i più pigri nel cuore di questa magnifica nave si trova la Royal Promenade, una grande «galleria» alta 4 piani, lunga 200 metri, somigliante nella struttura e nelle dimensioni alla celebri «gallerie» di tante città italiane: Galleria Mazzini di Genova, quasi identica nelle dimensioni costruita sul modello delle gallerie Vittorio Emanuele II di Milano e Umberto I di Napoli. La Royal Promenade offre, infatti, tutte le comodità di una vivace strada cittadina: ospita 7 ristoranti, bar, pasticcerie, caffè, gioiellerie, negozi di abbigliamento e profumerie; poi liquori, giornali e riviste. E per la sera, infinite possibilità di intrattenimento con un teatro da 1.350 posti che offre spettacoli in stile Broadway o il casinò.