Civoli e Zenga, una telecronaca che dà i numeri

L’APPELLO. Carlo Nesti (1’ Azerbaijan-Italia under 21, martedì Raidue): «Questi azzurri sono tutti quanti assenti e quindi naturalmente non convocati».
LEZIONE DI TATTICA. Carlo Nesti (29’): «Gli avversari naturalmente appena vedono accorciare i centimetri rispetto agli avversari, portando palla vanno in crisi».
GIÀ CHE CI SIAMO. Carlo Nesti (39’): «C’è anche comunque un calcio d’angolo: lo seguiamo».
COOPERATIVA. Carlo Nesti (46’): «È stato apprezzato un colpo di testa della nostra squadra avversaria».
FIAT LUX. Carlo Nesti (88’): «I nostri giocatori non hanno alcun interesse a incrementare il ritmo alla luce del vantaggio».
MOSCA CIECA. Walter Zenga (Spagna-Italia, mercoledì Raiuno): «Non bisogna guardare palla».
CONGIUNTIVITE. Carlo Paris (16’): «Mi sembra che ci sono due giocatori con dei problemi».
PALLOTTOLIERE. Marco Civoli (73’): «Credo che Aragones abbia esaurito i cambi, non ho tenuto il conto». Walter Zenga: «Neanch’io».
I WATUSSI. Walter Zenga (83’): «Guarda come siamo altissimi».
LARGHE INTESE/1. Walter Zenga (86’): «Si è lasciato andare Capdevila». Marco Civoli: «Sì, si è lasciato andare». Walter Zenga: «Sono d’accordo con te».
LARGHE INTESE/2. Walter Zenga (87’): «La Spagna agli Europei è famosa per non essere mai arrivata in fondo». Marco Civoli: «Ha vinto nel 1964».
OXFORDIANI. Loris Reggiani (Mondiale Moto Gp, domenica Italia 1): «Secondo me Lorenzo se l’è fatta anche un po’ addosso». Guido Meda: «Non credo, sono uomini duri».
PRESSAPOCO. Gigi Simoni (Domenica Stadio, domenica Italia 1): «I cambi dell’allenatore a questo punto non li capirei; mancano cinque partite, sei partite, sette partite».
PROVENIENZE. Massimo Mauro (Sky Calcio Show, domenica Sky Sport): «Pepe non so di dov’è, ma l’attacco dell’Udinese sono napoletani».
OPINIONISSIMA. Sandro Piccinini (Controcampo - Ultimo minuto, Domenica Italia 1): «Ancelotti col Cagliari cambierà tutto. Chiediamo a Sacchi, che è il maestro di Ancelotti che cosa vuol dire». Arrigo Sacchi: «Be’, che cambierà tutto».